Il bouquet da sposa

"Come scegliere il proprio bouquet?"



Il bouquet da sposa ha delle antichissime tradizioni ed era molto differente da come lo conosciamo oggi. Nell’antichità era composto da erbe aromatiche come timo, mirto, rosmarino e aglio che avevano lo scopo di allontanare gli spiriti maligni ed essere di buon auspicio alla coppia. Si riteneva che alcune di queste erbe avessero anche un potere afrodisiaco e venivano quindi mangiate dagli sposi durante la prima notte di nozze. Solo dal tredicesimo secolo il bouquet inizia ad assumere il significato attuale, precisamente quando le donne arabe iniziarono ad utilizzare i fiori d’arancio per addobbare i propri abiti da sposa. Possono essere creati in varie forme e con composizioni di fiori e colori differenti ma bisogna ricordarsi che rappresenta una scelta importante a cui prestare la massima attenzione.


Il galateo


Secondo le regole del galateo, il bouquet deve:

  1. Deve essere acquistato dallo sposo e consegnato alla sposa poco prima dell’ingresso in chiesa. La tradizione però cambia da regione a regione e in molti casi il bouquet viene fatto recapitare la mattina stessa a casa della sposa. Il bouquet rappresenta l’ultimo regalo che la coppia si scambia da semplici fidanzati, prima di convolare a nozze.

  2. Deve essere esclusivo della sposa - nessun altro bouquet lo deve richiamare, come ad esempio quello delle damigelle.

  3. Deve essere portato con naturalezza e disinvoltura all’altezza dell'ombelico, con fare rilassato e non come ad impugnare una spada.

  4. Tradizione vuole che la sposa può decidere di regalarlo ad un’amica nubile, oppure utilizzarlo per fare il classico lancio, rigorosamente di spalle, verso la fine della cerimonia.





Alcuno suggerimenti


Il bouquet è inversamente proporzionale alla dimensione dell'abito da sposa; ovvero: se il vostro abito da sposa è semplice e lineare, per bilanciare, potrete optare per un bouquet più sfarzoso o vistoso, al contrario se il vostro abito da sposa è abbastanza lavorato allora dovrete necessariamente optare per un bouquet sobrio.


Deve essere proporzionato alla vostra figura, non deve sovrastare la figura della sposa


Deve essere coerente con lo stile del matrimonio. Deve essere coordinato con l'allestimento floreale ma anche e sopratutto con l'abito che indossa la sposa

"Suggerisco sempre alle mie spose di scegliere prima l'abito e di lavorare insieme per la creazione del progetto artistico/floreale"

Deve richiamare l’acconciatura e il trucco della sposa. Il colore dei fiori utilizzati per il bouquet possono andare a valorizzare l’acconciatura o il trucco della sposa. Inoltre, se per l’acconciatura, tra i capelli della sposa, sono stati applicati dei fiori come decorazioni questi devono poi essere richiamati anche nel bouquet.


Fiori naturali o artificiali? Sicuramente naturali a meno che non si abbiano particolare allergie, al contrario si possono utilizzare piante grasse, verdi e fiori stabilizzati. Mai fiori artificiali, perchè, per quanto perfetti, non renderanno mai come quelli naturali da un punto di vista di impatto visivo.


Ricordate che il bouquet non dovrà essere pesante e l’impugnatura non dovrà recare problemi alla sposa.





Curiosità


Il bouquet da sposa per essere ben augurante deve passare per tre diverse mani: per quelle dello sposo, per quelle della sposa ed, infine, per quelle di una fanciulla nubile. Le spose più superstiziose, dunque, eviteranno categoricamente di conservare il bouquet e farlo essiccare.


In Puglia: il bouquet viene regalato dalla suocera che lo consegnerà a casa della sposa la mattina del matrimonio, il tutto sarà obbligatoriamente immortalato dal fotografo



Foto di :

Vincenzo Massaro

Andrea Antohi

Youness Taouil

Claudia Peluso